Eachine ci ha dato l’opportunità di provare uno dei loro ultimi droni – Eachine E33C – soprannominato “Vanguard” che si affaccia ai meno esperti aiutandoli con una buona stabilizzazione, simpatiche funzionalità e resistenza agli urti. Ma questo quadricottero non è proprio per tutti, ecco perché:

Confezione & Unboxing

La grande confezione di Eachine E33C è ricca di dettagli all’esterno, dove si trovano varie immagini del drone, del trasmettitore ma anche funzionalità e dettagli tecnici.

Molto ricca anche all’interno dove, oltre al manuale d’uso e manutenzione (in italiano, molto utile) si trovano tantissimi pezzi di ricambio, che è sempre un piacere trovare. Per essere precisi, in confezione troverete:

  • Eachine E33C con eliche già montate
  • 4 x eliche di ricambio per i rotori
  • 4 x cappucci copri-viti di ricambio per le eliche
  • Un piccolo cacciavite
  • 4 x proteggi eliche con viti
  • 4 x piedi per atterraggio
  • Batteria al litio estraibile
  • Cavo di ricarica USB
  • Radio telecomando batterie non incluse (4 x AA)

Design & Ergonomia

Il quadricottero è completamente realizzato in plastica ed ha un peso di circa 90g distribuiti in dimensioni generose (25 x 25 x 7 cm) senza contare le protezioni per le eliche. La forma è molto simile a quella dei droni più famosi, e al di sotto dei rotori sporgono delle luci a LED colorate.

Sul vano copri batteria poi, è agganciata (e removibile) la fotocamera/videocamera da 2MP in HD – di cui parleremo a breve – con un ingresso MicroSD laterale e lo switch di accensione/spegnimento.

E poi Eachine E33C può montare comodi piedi in plastica al di sotto dei rotori per attutire bruschi atterraggi e salvaguardare la videocamera. Ed infine c’è in controller, non troppo grande ma maneggevole e ricco di tasti..forse troppi, davvero troppi per chi sta imparando, visto che non sono neanche etichettati!

In conclusione, materiali non pregiati (anche per un discorso di leggerezza) ma che comunque resistono bene ad urti e cadute. Forse cercavo qualcosina in più sulla solidità della struttura in generale,come quando devo rimontare tutti i piedi dopo ogni caduta.

Prestazioni & Durata

Tra i più grandi pregi di questo Eachine E33C c’è sicuramente la stabilità in volo, grazie non solo al giroscopio a 6 assi, ma anche alle funzionalità integrate come l’HeadLess Mode che gestisce la stabilizzazione in maniera automatica.

E non mancano anche altre funzionalità come le giravolte a 360°, il controllo della velocità o la modalità di ritorno nella mano (non funziona alla grande però). Con la variante E33W poi, potrete sfruttare anche lo smartphone per comandarlo via Wi-Fi come per l’Eachine E52 che abbiamo testato.

Insomma, il Vanguard è adatto anche ai meno esperti che si stanno affacciando al mondo dei droni, o quasi! Infatti le varie funzionalità non funzionano mai alla perfezione e prima fra tutte quella sulla stabilizzazione, costringendoti a “lottare” con i comandi anche quando c’è poco vento.

[embedded content]

D’altra parte però, questo Eachine E33C è anche molto resistente agli urti ed agli atterraggi e non ha bisogno di una grossa manutenzione. L’unica noia ve la darà la batteria da 450 mAh, che esige quasi 45 minuti di ricarica per (al massimo) 12 minuti di volo.

Come mi aspettavo infine, bocciata la multimedia: la fotocamera, anche se in HD, cattura davvero pochi dettagli (anche se di poco superiore rispetto ai droni della stessa fascia). Inoltre registra anche l’audio, ma quasi completamente ricoperto dal rumore delle eliche:

Conclusioni & Prezzo

In conclusione, Eachine E33C “Vanguard” è un drone davvero adatto a chi vuole imparare a comandarne uno ma senza preoccuparsi troppo di eventuali urti o cadute.

Questo è avvalorato poi dal buon prezzo (forse un po’ alterato da Amazon) ma che troverete spesso in sconto, anche al di sotto dei 40 euro! Potete comprarlo su Amazon Italia al link di seguito e se avete un Account Prime non pagherete la spedizione e lo riceverete in un giorno lavorativo!

Eachine Vanguard E33 sul sito ufficiale

Articolo importato da chimerarevo.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui