Le console Nintendo hanno sempre il loro fascino, spesso sono state la casa di autentici capolavori. E’ difficile dimenticare i Metroid, i Pokémon Stadium, i titoli della serie Mario, per non parlare poi degli indimenticabili Zelda Twilight Princess e The Wind Waker. Titoli che al solo pensiero ci fanno scendere più di una lacrimuccia di nostalgia e che di certo ci piacerebbe giocare sui nostri smartphone che diventano ad ogni generazione più potenti.

Se c’è qualche ambito dove la potenza dei nuovi processori e GPU è davvero utile e fa la differenza è senza dubbio il campo dell’emulazione, qui infatti serve un bel po’ di capacità di calcolo per emulare le varie console.

In questo articolo vogliamo parlarvi di emulatori Nintendo Wii per Android ed emulatori GameCube, sempre per Android.

Play! Emulatore PlayStation 2 per Android, iOs e PCVi dedicate al retrogaming? In questo articolo vi mostriamo come emulare la PS2 su Android, iOs e PC grazie ai progressi dell’emulatore Play!

Ora è possibile emulare bene Wii e GameCube su Android?

La risposta è finalmente si, sui nuovi dispositivi si riesce ad avere finalmente una buona emulazione senza particolari compromessi. Il risultato è stato raggiunto grazie ai progressi nello sviluppo dell’emulatore accompagnati dall‘aumento importante della potenza dei nostri dispositivi mobile.

Il supporto alle librerie Vulkan su Android è ancora molto immaturo, mentre su PC riesce a garantire un forte miglioramento delle prestazioni su Smartphone OpenGL resta ancora più performante.

Ad oggi un buon numero di titoli girano a velocità originale sugli smartphone con processore Snapdragon 835 e quindi con la GPU Adreno 540.

Qualche scatto in più si nota sui dispositivi dotati del precedente Snapdragon 820 e 821 che hanno entrambi GPU Adreno 530. Probabilmente con le prossime versioni, e il miglioramento del supporto a Vulkan avremo dei grossi progressi anche su questi terminali. In genere in gran parte degli emulatori le GPU Adreno vanno meglio delle Mali probabilmente per differenze nell’ottimizzazione.

Se avete uno smartphone dotato dell’ultimo processore Snapdragon ( HTC U11, OnePlus 5 e Xiaomi MI6) e volete davvero metterlo alla prova potete scaricare l’apk dell’emulatore Dolphin da questo indirizzo. Poi potete installarlo seguendo la canonica procedura di pochi passaggi per l’installazione degli Apk su Android (se non ne ricordate qualcuno niente paura abbiamo una veloce guida).

Un altro emulatore che sugli smartphone di fascia alta ha raggiunto praticamente la perfetta emulazione è PPSSPP, l’emulatore della PSP:

PPSSPP: emulatore PSP per Android, iOS, Linux, Windows e MacPronti ad ore e ore di divertimento? Con l’emulatore PSP multi-piattaforma potrete giocare da praticamente qualsiasi piattaforma!

Mentre l’emulatore della Playstation 2 è più indietro nello sviluppo ma merita attenzione, potete leggere qui il nostro approfondimento in merito.

Attenzione gli emulatori non sono illegali per sé ma solo se utilizzano software proprietario oppure se voi li utilizzate per eseguire rom e iso di giochi che materialmente non possedete. Dolphin non contiene codice di proprietà di Nintendo, e ci auguriamo che voi possediate il software che provate ad emulare.

Reperire le rom del Gamecube online è semplice si trovano su vari siti, i migliori per scaricare le iso dei giochi del GC sono:

Il miglior modo per trovare rom per Wii invece è cercarle su torrent, il modo più pratico che conosco è questo:

Come cercare torrent con qBittorrentPassate molto tempo alla ricerca di torrent, anche rari? Il miglior modo per trovare torrent lo avete avuto sempre sotto il naso: sfruttate qBittorrent!

Conclusioni

Vi è piaciuto il nostro articolo su come emulare GameCube e la Wii su Android? Vi piace il retrogaming ? Fateci sapere che ne pensate con un commento, altri nostri post sull’argomento emulatori sono in arrivo per non perderli seguiteci anche tramite Facebook e Twitter.

L’articolo Emulatore GameCube e Wii per Android appare per la prima volta su ChimeraRevo – Il miglior volto della tecnologia.

Articolo importato da chimerarevo.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui