Google scopre un nuovo malware proveniente da Israele capace di prendere totale controllo di uno smartphone.

Continuano i problemi per Android: l’invasione dei malware sembra non essersi arrestata. Di recente Google sembra aver scoperto quello che sembra essere una nuova e importante orda di malware pronta a colpire il sistema operativo di Google.

Nello specifico, Google ha scoperto un malware chiamato Lipizzan, un particolare trojan che può nascondere più di qualche insidia per gli utenti del sistema operativo del robottino verde. Google ha scovato casualmente questo malware mentre effettuava dei controlli casuali sulla sicurezza del Google Play Store. 

Nonostante il codice malevolo sia contenuto in ben 20 app ma solamente 100 dispositivi sono stato infettati da questo trojan. Le applicazioni in questione erano realizzate da una azienda chiamata NSO Group che col sistema di verifica di licenza dava pieni “all’app” di accedere a tutti i dati sensibili dell’utente.

Ad essere esposti al pericolo ci sono dati sensibili come chat WhatsApp, numeri di telefono, conversazioni via SMS, account dei social network, accedere al microfono, fotocamera, localizzazione e molto altro ancora. Google però come sempre è riuscita a contattare tutti coloro infettati da Lipizzan ed ha rimosso tutte le app contenente del codice simile.

Articolo importato da mobileblog.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui