Ecco quali sono i sintomi dell’infezione alla vescica e come affrontare il problema.

L’infezione alla vescica è un problema che riguarda più frequentemente le donne che uomini. La maggior parte delle volte si tratta di infezioni non complicate, causate dal batterio Escherichia coli (E. coli). Sebbene l’infezione della vescica non complicata sia spesso facilmente trattata con un breve ciclo di antibiotici, può essere significativamente fastidiosa per chi ne soffre. Le infezioni della vescica si verificano generalmente quando i batteri entrano nell’uretra, e quindi vanno a colpire la vescica. Una volta nella vescica, i batteri possono anche spostarsi nei reni, causando un’infezione renale.

Esistono una serie di fattori che possono aumentare il rischio di infezione della vescica, tra i quali segnaliamo:

  • Frequenti rapporti sessuali
  • Rapporti sessuali con un nuovo partner
  • Usare diaframma e spermicida
  • Non urinare immediatamente dopo il rapporto sessuale
  • Avere il diabete
  • Problemi del sistema urinario

I sintomi dell’infezione alla vescica possono includere dolore o bruciore durante la minzione, frequente e urgente bisogno di urinare, perdita di piccole quantità di urina, odore dell’urina più forte e sgradevole, urina torbida, sangue nelle urine. Alcune persone possono presentare anche sintomi come febbre, mal di schiena o dolore all’inguine, nausea e vomito.

Il medico potrà diagnosticare la presenza di un’infezione della vescica basandosi sui sintomi lamentati dal paziente e attraverso un esame delle urine. In caso di infezioni della vescica non complicate (ovvero che non si verificano durante la gravidanza o in persone con diabete o un’infezione renale lieve) il medico prescriverà un breve ciclo di antibiotici, che andrà completato anche se i sintomi dovessero ridursi dopo poco tempo dall’inizio del trattamento. Se i sintomi dovessero persistere per più di 2 o 3 giorni dopo l’inizio del trattamento, sarà necessario contattare il medico.

via | MedicalNewsToday

Articolo importato da benessereblog.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui