Se vi ritrovate nell’insolita situazione di voler acquistare un piccolo speaker bluetooth da portarvi sempre dietro e nello stesso momento siete tentati dall’ottenere un buon caricatore wireless per il vostro smartphone ma alla fine dei conti vi servirebbe anche un semplice stand per telefono, probabilmente la Fonesalesman ha letto i vostri pensieri più reconditi ed ha partorito per voi il MusiQi.

Si tratta di un versatile gadget che si propone di soddisfare tutte e tre le esigenze sopra descritte. Ovviamente tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare quindi andiamo a scoprire come questo ambizioso prodotto lo ha navigato.

CONFEZIONE

All’interno della confezione in cartonato stile “raw”, che ormai siamo abituati a vedere, oltre al MusiQi troveremo lo stretto indispensabile: un cavo micro USB da 1.5 m per caricarlo, purtroppo senza una presa inclusa “a muro”; il manuale delle istruzioni ed un sacchettino grigio perla, con laccetti e marchio impresso color argento.

DESIGN

L’estetica e la qualità costruttiva è decisamente un punto forte: la forma cilindrica è moderna e pulita allo stesso tempo ed il taglio diagonale al centro che scopre la grata dello speaker dona un pizzico di aggressività, saggiamente contenuta in 7cm di diametro per 8 cm di altezza. La sensazione che offre è quella di un oggetto solidissimo e molto compatto.

Il corpo è in alluminio molto elegante, leggermente satinato e opacizzato. Sul fondo della parte frontale, sotto il logo, su una linguetta nera troviamo un piccolo LED che indica lo stato della ricarica e il foro del microfono mentre sul retro l’ingresso micro USB.

Il cerchio superiore è invece totalmente in silicone nero anti-scivolo, superficie dove potremmo adagiare il nostro smartphone e che, per le sue proprietà adesive, tenderà chiaramente ad accumulare polvere e sporcizia di ogni genere ma lo si potrà pulire, come consigliato, con del nastro autoadesivo per preservarne la funzione.

La base inferiore invece ha anch’essa un anello dello stesso silicone che garantirà un appoggio molto stabile al MusiQi ed al centro lo switch per l’accensione e spegnimento del dispositivo e quattro pulsanti posizionati “ad arco” rispettivamente per diminuire/aumentare il volume, mettere in play/in pausa e rispondere ad una chiamata.

MusiQi

Purtroppo tocca riconoscere che posizionare i tasti nella parte inferiore del prodotto non è stata una scelta felice ne’ tanto meno funzionale per l’ovvia conseguenza che se, poggiato il telefono sul nostro MusiQi, volessimo semplicemente alzare il volume o mettere il pausa una canzone saremo costretti a capovolgere il cilindro.

Soluzione incomprensibile visto che sarebbe bastato applicarli “a vista” sulla scocca per ottenere il massimo dell’accessibilità. Grosso punto interrogativo su questa decisione.

AUDIO

Passiamo all’analisi del profilo audio che ci ha convinto anche senza eccellere per qualità particolari. Lo speaker con potenza di 5 Watt garantisce un volume massimo appagante in ambienti relativamente ampi come una camera di appartamento ma il desiderio di una maggiore pressione sonora si fa sentire in ambienti outdoor, ad esempio al parco oppure in una macchina coi finestrini abbassati.

Insomma un coppia di Watt in più sarebbe stata l’ideale ma probabilmente avrebbe inciso notevolmente sull’autonomia del dispositivo che assicura in ogni caso delle dignitose tre ore e mezza di ascolto. La scelta dell’equalizzazione sonora è stata convincente: sostanzialmente il sonoro è pieno e corposo favorito dalla enfatizzazione di frequenze medio basse.

MusiQi

Sebbene ad un primo ascolto l’audio può risultare leggermente ovattato questo ci eviterà fastidiose e taglienti frequenze alte che torturerebbero i nostri timpani in sessioni prolungate di listening. Questo non equivale alla rinuncia delle alte nei brani, anzi sono ben gestite e trovano uno spazio giusto che ne garantisce una ben nitida collocazione.

Come detto le frequenze medie sono leggermente confuse e mischiate alle basse che seppur non nitidissime accompagnano anche i brani più “elettronici” efficacemente, garantendo una solida base all’ascolto in generale.

Tirando le somme, e tenendo in considerazione il prezzo, l’audio è decisamente promosso e l’equalizzazione generale premia sicuramente, anche perché troppo spesso troviamo sul mercato casse bluetooth che cercano di coprire l’intero spettro sonoro non curandone tutti gli aspetti e facendo il cosiddetto “passo più lungo della gamba”.

MusiQi

Ma ovviamente è soprattutto una questione di gusti ed esigenze personali. In sostanza meglio fare meno ma farlo bene e questa sembra la linea adottata dalla Fonesalesman. Menzione positiva anche per la connessione bluetooth per cui non si riscontra nessun tipo di problema o compatibilità.

RICARICA WIRELESS E FUNZIONE SUPPORTO

La ricarica wireless funziona senza problemi, ovviamente solo per smartphone abilitati a questa funzione altrimenti si può ovviare tramite l’UniQi, prodotto dalla stessa casa produttrice: una sottile lamina che si collega tramite cavetto USB type C al nostro smartphone, collocabile tra cover e telefono, e ci permetterà di attivare questa tecnologia anche a dispositivi nativamente non predisposti.

Per la ricarica basterà poggiare il nostro smartphone sulla superficie siliconata ed il gettito a 5/v Ampere di energia garantirà un recupero di batteria lento ma costante.

È bene ricordare che il MusiQi non funge da Power Bank ciò significa che potremmo usufruire della ricarica solo se collegato alla corrente.
Per quanto riguarda invece la mansione di supporto è promosso a pieni voti.

La possibilità di ruotare la parte superiore, come accennato, a 360° è il massimo che si può offrire e le zone in silicone antiscivolo hanno un grip di prim’ordine sia per la stabilità sulle superfici, “ancorandosi al terreno”, e sia per la tenuta dello smartphone che sia protetto o meno da cover e indifferentemente dai materiali plasticosi o metallici della nuda backcover del device.

PREZZO

La Fonesalesman lancia un prodotto a tre funzioni tutte promosse sebbene con qualche riserva: se la qualità audio, il design, i materiali e il compito di supporto convincono qualche dubbio rimane sulla scelta di non posizionare i tasti interattivi a vista e sul non aver dotato il MusiQi di una batteria più ampia che ne avrebbe esteso le potenzialità generali, magari a funzioni di Power Bank rendendolo un prodotto davvero completo e per certi versi imprescindibile.

Potete acquistare entrambi i prodotti su Amazon ai seguenti link:

Articolo importato da chimerarevo.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui