Sono stati presentati all’MWC 2017 e sono degli ottimi telefoni di fascia bassa: ecco Archos 50 Graphite e 55 Graphite

Al Mobile World Congress 2017 Archos ha presentato 50 Graphite e 55 Graphite, due nuovi smartphone di fascia bassa che saranno disponibili per l’acquisto nel mese di giugno a circa 150 euro. A Barcellona ci sarà spazio senz’altro per molti top gamma ma Archos non è da sottovalutare perché i prezzi sono abbordabili e la qualità è tutt’altro che scadente. I due telefoni per esempio sono in alluminio e hanno un ottimo comparto fotografico; i processori invece non sono certamente dei mostri di velocità ma parliamo comunque di fasce basse di mercato (o medio-basse: fate voi).

Vediamo subito la scheda tecnica di Archos 50 Graphite:

  • Display IPS da 5.5 pollici con risoluzione Full HD pari a 1920 x 1080 pixel;
  • Processore Quad-Core MediaTek MT6737 da 1.5 GHz;
  • RAM da 2 GB;
  • Storage interno da 16 GB espandibile tramite micro SD fino a 128 GB;
  • Fotocamera posteriore con doppio sensore da 13 e 2 megapixel;
  • Fotocamera anteriore da 5 megapixel;
  • Connettività: Dual SIM, 4G, LTE, USB di tipo C;
  • Altre caratteristiche: ricarica rapida;
  • Batteria da 3mila mAh;
  • Sistema operativo Android Nougat 7.0.

Ecco invece la scheda tecnica di Archos 55 Graphite:

  • Display IPS da 5 pollici con risoluzione HD pari a 1280 x 720 pixel;
  • Processore Quad-Core MediaTek MT6737 da 1.5 GHz;
  • RAM da 1 GB;
  • Storage interno da 16 GB espandibile tramite micro SD fino a 128 GB;
  • Fotocamera posteriore con doppio sensore da 13 e 2 megapixel;
  • Fotocamera anteriore da 5 megapixel;
  • Batteria da 3mila mAh;
  • Connettività: Dual SIM, 4G, LTE e porta USB di tipo C;
  • Sistema operativo Android Nougat 7.0.

Archos 50 Graphite e 55 Graphite sono insomma dei buoni telefoni

: non hanno niente di particolarmente innovativo o di aggiuntivo rispetto alla concorrenza ma all’MWC 2017 non c’è spazio solo per le novità assolute.

Articolo importato da mobileblog.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui