Le persone che soffrono di depressione riescono più facilmente ad abbandonare gli obiettivi irraggiungibili. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Psicologia – Le persone che soffrono di depressione riescono più facilmente ad abbandonare degli obiettivi irraggiungibili. A suggerirlo è un nuovo studio condotto presso l’Università di Jena. La perseveranza è da sempre lodata; da quando siamo bambini ci viene detto che solo con la giusta motivazione e costanza saremo in grado di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, e sebbene questo sia certamente vero in molti ambiti della vita, come il lavoro, lo sport e la famiglia, è importante anche riuscire a comprendere quando l’obiettivo che ci siamo prefissati è impossibile da raggiungere.

A quanto sembra però, le persone che soffrono di depressione avrebbero la capacità di comprendere più in fretta questa verità, e riuscirebbero ad abbandonare un progetto irraggiungibile, per dedicare le proprie energie al raggiungimento di un progetto più concreto. Lo studio, pubblicato sul ‘Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry‘, ha preso in esame pazienti con depressione e partecipanti sani.

Gli autori hanno chiesto ai partecipanti di risolvere degli anagrammi (il maggior numero possibile entro un tempo specifico), alcuni dei quali però erano impossibili da risolvere (obiettivi irraggiungibili). Dall’esperimento sarebbe emerso che i pazienti con depressione hanno trascorso meno tempo in totale sugli anagrammi irrisolvibili rispetto al gruppo di controllo, mentre il tempo trascorso lavorando sugli anagrammi risolvibili non differiva tra i due gruppi.

Se smettessimo di vedere la depressione semplicemente come un peso psicologico, che deve solo essere rimosso con la terapia, potremmo essere in grado di utilizzare le crisi del paziente anche come occasione di sviluppo personale

spiegano gli autori dello studio, i quali sottolineano che è necessaria maggiore ricerca su questo argomento.

via | ScienceDaily

Articolo importato da benessereblog.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui