Una delle novità più importanti di iOS 11 è ARKit, il framework di Realtà Aumentata integrato nel Sistema Operativo. Vi mostriamo quanto le potenzialità di questa tecnologia.

Una delle novità più importanti di iOS 11 è ARKit, il framework di Realtà Aumentata integrato nel Sistema Operativo. Vi mostriamo le potenzialità di questa tecnologia.

ARKit consente ad iPhone e iPad di sovrapporre immagini di computer graphics alla realtà ripresa in tempo reale dalla fotocamera; la peculiarità, tuttavia, è che gli oggetti e gli effetti si muovono in base a come spostate il telefono nel mondo grazie alla mappatura dell’ambiente; mappatura precisissima, che avviene attraverso i tanti sensori presenti nei dispositivi.

Questa tecnologia è semplice da usare, elegante ed efficace, e in più molto economica perché non richiede sistemi di ancoraggio o speciali occhiali. E si è già conquistata l’encomio degli sviluppatori:

“L’aspetto più impressionante di ARKit è che tende sempre a funzionare,” spiega Cody Brown, fondatore dello studia di produzione a realtà aumentata IRL […]. “Altri software di AR spesso richiedono un qualche tipo i meccanismo fisico (tipo un codice QR), che alla fine diventa inevitabilmente motivo di frizione se stai cercando di convincere qualcuno a usare la tua app.”
“Un altro incredibile aspetto di ARKit è la maniera in cui gestisce gli aggiustamenti di luce in tempo reale,” ha continuato Brown. “Posso solo immaginare la matematica e la magia sotto il cofano di questa tecnologia, per farla funzionare così bene.”

E su Internet è un profluvio di esperimenti, che vi mostriamo qui di seguito. Di fatto, Apple ha reso facilissimo creare contenuti che fino a ieri avrebbero richiesto importanti investimenti, un intero team AR, mesi di lavoro e soprattutto capacità tecniche molto complesse. Potete giudicare voi stessi l’incredibile qualità di queste opere: e tenete a mente che si tratta di esperimenti condotti al volo da sviluppatori singoli.

Articolo importato da melablog.it

Puoi legge l'articolo dal sito di provenienza qui